A Rovereto, nella sala di palazzo Balista, in corso Rosmini 13


Martedì 28 novembre ore 21

Il vivente come merce: le biotecnologie tra utopia capitalista e resistenze umane.

Con il gruppo ecologista radicale "Il silvestre"


Martedì 5 dicembre ore 21

Il carcere e il suo mondo: riflessioni per una società senza gabbie. [Trascrizione della conferenza]

Con M. Passamani


Martedì 12 dicembre ore 21

Il controllo e la criminalizzazione dei migranti: come si crea l'ideologia dello straniero/nemico.

Con alcuni senza patria Intendiamo per controllo sociale l'insieme delle istituzioni, delle procedure, dei dispositivi, dei calcoli, delle tattiche, delle strategie e delle ideologie volti al mantenimento autoritario dell'ordine presente delle cose. Dalle manipolazioni genetiche - in cui si manifesta l'utopia capitalista di rendere gli esseri umani e la natura perfettamente adatti alle esigenze del profitto e del dominio - al carcere - ultima carta e ultima dea quando il consenso forzato non basta -, passando attraverso l'esclusione dei migranti, questo controllo ha molte facce, ma un'unica sostanza.
Intendiamo per critica radicale uno sguardo che va alle radici dei rapporti sociali, ma anche l'attività pratica che cerca di sradicarle, quando queste marciscono e ci inquinano.

Anarchici

 
 

Il sito guerrasociale.org non è più attivo da molto tempo. In queste pagine sono stati raccolti e archiviati in maniera pressoché automatica tutti i testi pubblicati. Attenzione: gli indirizzi (caselle postali, spazi occupati, centri di documentazione, email, ecc.) sono quelli riportati nella pubblicazione originale. Non se ne garantisce quindi in nessun modo l'accuratezza.